Come bloccare le chiamate moleste: Marketing aggressivo e call center

631

Il marketing, al giorno d’oggi, si fa sempre più aggressivo.

Pubblicità su internet, su facebook, messaggini promozionali, ma anche, e soprattutto, telefonate.

Telefonate che arrivano ovunque, sia sul fisso che sul cellulare, e che spesso portano a chiederti come abbiano fatto ad avere il tuo numero.

Come bloccare le chiamate moleste

Le cause

I numeri di telefono vengono raccolti, assieme ad altri dati personali, un po’ come delle pepite d’oro ai tempi del Klondike.

Non importa da dove, se dai vecchi elenchi telefonici, o magari da qualche sito internet nel quale avete inserito il vostro numero. Una volta in circolazione, sarà difficilissimo rimuoverlo.

Come bloccare quindi le chiamate indesiderate?

Distinguiamo anzitutto telefoni fissi da cellulari.

 

Bloccare le chiamate su telefoni fissi

Per bloccare le chiamate sui telefoni fissi abbiamo diverse opzioni.

Anzitutto possiamo verificare se il nostro telefono fisso supporta la funzione di blocco chiamate, e procederemo quindi ad inserire il numero indesiderato nella blacklist.

Se non dovesse essere possibile, possiamo provare a contattare il nostro operatore per sapere se è possibile inserire uno o più numeri nella lista delle chiamate escluse.

Il metodo più consigliato ed efficiente, però, è quello di munirsi di un dispositivo dedicato al blocco delle telefonate, da installare accanto al proprio telefono.

Questi dispositivi, spesso dotati di una lista chiamate e di un pulsante rapido di blocco, permettono di bloccare automaticamente le chiamate non appena arrivano sulla vostra linea di casa. In diversi modelli è anche possibile impostare il blocco per le chiamate anonime o il blocco per tutte le chiamate in certe fasce orarie.

 

Come bloccare le chiamate indesiderate sul cellulare

Per bloccare le chiamate sul vostro cellulare o smartphone, sarà anzitutto necessario scoprire se sia presente una funzione nativa che permetta di bloccare le chiamate.

Nel caso dei vecchi cellulari, e non degli smartphone, spesso la funzione non è presente, e pertanto si dovrà procedere contattando l’operatore richiedendo il blocco di uno o più numeri molesti.

Nel caso di smartphone, però, la situazione si fa assai più semplice, in quanto sono presenti una pletora di applicazioni nate proprio allo scopo di bloccare le fastidiosissime spam calls.

Ci si può rivolgere ad applicazioni che permettono di definire noi stessi una blacklist da compilare man mano che arrivano le chiamate, ma esistono anche applicazioni capaci di bloccare in maniera intelligente le chiamate, confrontando il numero in arrivo con un database di centralini molesti.

Truecaller (Android/iOS) e Hiya Caller ID and Block (Android/iOS) sono due app gratuite che permettono proprio questo.Una volta installate, chiederanno il permesso per accedere alla funzione telefono, essenziale per il corretto funzionamento dell’app stessa.

Una volta in arrivo una chiamata molesta, l’applicazione cercherà istantaneamente se il numero risulta presente nei propri database, e vi avviserà con un messaggio a schermo se il chiamante è un potenziale call center o meno.

C’è anche la possibilità di segnalare nuovi numeri di telefono, nel caso in cui il numero non risulti nel database. Grazie alle segnalazioni di milioni di utenti, il servizio di queste due app risulta sempre più affidabile.

  • Resta aggiornato sul mondo del TECH consulta il nostro archivio CLICCA QUI

Articoli Correlati



SHARE